Le vecchie smerigliatrici angolari hanno le ore contate

Pesanti, scomode e con quel filo sempre pronto a dar fastidio: per quanto una smerigliatrice sia uno strumento praticamente indispensabile, è allo stesso tempo molto scomodo da usare, ma ora è arrivata TurboGrind e tutto ciò che sapevi sulle smerigliatrici diventa vecchio in un istante.

Lorenzo Gentile 24 Agosto 2023

La tecnologia fa passi da gigante in tutto

Con l’evoluzione degli strumenti senza fili, dell’efficienza dei motori elettrici e sopratutto delle batterie, non si capiva come mai nessuno avesse ancora messo in commercio una smerigliatrice senza fili a batteria.

A differenza di un trapano avvitatore, una smerigliatrice ha bisogno di poter erogare una velocità di rotazione del disco e allo stesso tempo di poter contrastare l’attrito che genera il lavoro del disco mentre taglia. Questo richiede molta forza e quindi energia.

TurboGrind

Piuttosto che costruire qualcosa di scomodo e pesante, un team di ingegneri israeliani ha proceduto negli studi e nelle ricerche fino ad arrivare alla realizzazione di TurboGrind, ovvero una smerigliatrice senza fili a batteria con tutte le caratteristiche di una tradizionale ma con il vantaggio di essere leggera, compatta e sopratutto SENZA FILI.

Il filo: prima causa di incidenti nell’uso delle smerigliatrici angolari

Basta una piccola distrazione, il filo si blocca sotto qualcosa, magari un piede, muovi la smerigliatrice che a questo punto ti scappa dalle mani e tutto ciò che succede dopo non lo vogliamo raccontare, perchè spesso riempie le pagine di cronaca locale e le sale dei pronto soccorso…tutto per colpa di quel maledetto filo!

Ora con TurboGrind, non hai più scuse per rischiare!

Per capire bisogna provare!

Curioso, ho deciso di ordinare un TurboGrind, vista anche la promozione che prevede uno sconto di ben il 50% con la seconda batteria in omaggio e spedizione gratuita. Come se non bastasse, la comodità del pagamento in contanti alla consegna è un qualcosa di davvero superiore.

Siccome vorrai approfittare anche tu, puoi raggiungere la pagina della promozione dal bottone qui sotto.

La prova sul campo

Non sono quello che si può definire un mago del fai da te, piuttosto l’utente medio che quando si presenta l’occasione di fare un lavoretto a casa ci prova, con l’obiettivo di risparmiare i costi del personale specializzato.

Aprendo il pacco ho trovato una valigetta con all’interno il TurboGrind, un set di dischi da taglio, un caricabatterie e due batterie. Fin qui tutto come era promesso sulla pagina di vendita.

Noto subito che le batterie sono quasi completamente cariche, così una la metto sotto carica e l’altra la installo subito sulla smerigliatrice e premo il tasto di accensione ancora senza aver messo il disco e…funziona! Gira molto forte.

Fatto questo, installo in pochi secondi il disco da legno e provo a tagliare un listello a sezione quadrata da 5cm di lato: niente sforzi e tagliato come se fosse burro.

Ora è il tempo del metallo: ho un tondino di ferro di quelli che si usano per il cemento armato da circa 1cm di diametro e, una volta installato il disco corretto, anche qui il taglio è stato sicuro e veloce.

Fermandomi un attimo a riflettere, fatico a capire come un dispositivo così leggero e compatto e sopratutto senza alimentazione a filo possa essere così potente, ma la prova mi ha convinto e quindi posso definire questo, come l’acquisto dell’anno!

In conclusione

TurboGrind non è una smerigliatrice qualunque. Ha potenza e velocità di rotazione superiore ai concorrenti sul mercato, ti regala una seconda batteria e una serie di dischi da taglio e come se non bastasse la paghi la metà grazie alla promozione speciale.

Disponibilità limitata

50% DI SCONTO

Questo sito non è un giornale, un sito di notizie o un blog. è un sito progettato per pubblicazioni promozionali che utilizza tecniche di storytelling per illustrare la gamma di servizi e prodotti offerti. la storia raccontata su questo sito è quindi una pubblicità o uno spot a scopo informativo, progettato per aiutare le persone a comprendere il potenziale dell’offerta.